Vai al menų principale Vai al menų secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Istituto Comprensivo N. 5 Tina Gori di Forlė (FC)
ISTITUTO COMPRENSIVO N. 5
"TINA GORI"
Via Sapinia, 38 - 47121 Forlė (FC) - Tel. 0543 703001 - Fax 0543 707042
E-mail: foic819003@istruzione.it - PEC: foic819003@pec.istruzione.it
Istituto Comprensivo N. 5 Tina Gori di Forlė (FC)
Istituto Comprensivo N. 5 Tina Gori di Forlė (FC)
ISTITUTO COMPRENSIVO N. 5
"TINA GORI"
Visualizza circolare
ISTITUTO COMPRENSIVO n. 5 "TINA GORI"
Via Sapinia, 38 - 47121 Forlė (FC)

Oggetto: Indicazioni operative per le attivitā didattiche a distanza (DAD)
Protocollo/Numero: 205
Pubblicata il: 20/03/2020
Destinatari: Docenti
Plessi: Scuola Secondaria di I Grado "Mercuriale", Scuola Primaria "Tempesta", Scuola Primaria "Squadrani", Scuola dell'Infanzia "Le Api", Scuola dell'Infanzia "Aloidi"

 

                                                                                                                                                                                                                      AL PERSONALE DOCENTE

                                                                                                                                                                                                                       dell’Istituto Comprensivo n.5 “Tina Gori”

 

                                                                                                                                                                                                                       AL SITO

 

 

 

OGGETTO: Indicazioni operative per le attività didattiche a distanza (DAD)

 

Carissimi Docenti,

nel ringraziarvi per il lavoro che state facendo a distanza, per il vostro operare in modo diverso ed innovativo richiesto dalla particolare e storica contingenza che stiamo vivendo, per il senso di responsabilità che manifestate tenendo attivi i contatti con gli alunni, risulta doveroso fornire alcune indicazioni operative trasmesse dal MIUR con Nota n. 388 del 17.03.2020.

 

 

La didattica a distanza (DAD) non è un adempimento formale, una mera ed eccessiva trasmissione di informazioni e/o materiali ma, in primis, è una modalità per mantenere viva la comunità educante, il senso di appartenenza, e combattere il rischio di isolamento e di demotivazione.

Inoltre risulta fondamentale non interrompere il percorso di apprendimento in nome del principio costituzionale del diritto all’istruzione nelle più diverse forme.

 

Le attività di didattica a distanza prevedono la costruzione ragionata e guidata del sapere attraverso un’interazione tra docenti e alunni.

Nella consapevolezza che nulla può sostituire appieno ciò che avviene, in presenza, in classe, si tratta pur sempre di dare vita ad un “ambiente di apprendimento” inconsueto caratterizzato da collegamenti diretti o indiretti, immediati o differiti, videoconferenze, videolezioni, chat di gruppo.

Il solo invio di materiali o la mera assegnazione di compiti anche attraverso eserciziari, che non siano preceduti da una spiegazione relativa ai contenuti in argomento o che non prevedano un intervento successivo di chiarimento o restituzione da parte del docente, dovranno essere abbandonati.

 

Affinché le attività finora svolte non diventino esperienze scollegate le une dalle altre, appare opportuno riesaminare le programmazioni e rimodulare gli obiettivi formativi sulla base delle nuove attuali esigenze: occorre evitare sovrapposizioni e curare che il numero dei compiti assegnati sia concordato tra i docenti, in modo da scongiurare un eccessivo carico cognitivo.

Per questo motivo la costante interazione tra voi docenti è essenziale ed il ruolo del registro elettronico è prezioso per il Team/Consiglio di classe.

 

Per quanto attiene la valutazione delle attività didattiche a distanza, è necessario che si proceda in modo costante, secondo i principi di tempestività e trasparenza, ai sensi della normativa vigente ma più ancora del buon senso didattico.

L’alunno va informato se ha sbagliato, su cosa ha sbagliato e perché ha sbagliato.

E’ bene ricordare che la valutazione ha sempre un ruolo di valorizzazione, di indicazione a procedere con approfondimenti, con recuperi, consolidamenti, ricerche, in un’ottica di personalizzazione.

 

Per gli alunni con disabilità, il punto di riferimento rimane il Piano Educativo Individualizzato (PEI).

I docenti di sostegno manterranno l’interazione a distanza con l’alunno, tra l’alunno e gli altri docenti curricolari, con la Famiglia dell’alunno stesso.

 

Per gli Alunni con DSA e con Bisogni educativi speciali non certificati, occorre dedicare particolare attenzione nella progettazione e realizzazione delle attività a distanza, ai sensi della Legge 170/2010 ed in riferimento ai rispettivi Piani Didattici Personalizzati (PDP).

Anche nella didattica a distanza, è necessario prevedere l’utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi, l’utilizzo di software di sintesi vocale libri o vocabolari digitali, mappe concettuali.

 

 

Pertanto:

 

  • per la Scuola dell’Infanzia, quindi per i più piccoli, è opportuno sviluppare attività, per quanto possibile e in raccordo con le Famiglie, costruite sul contatto “diretto” (se pure a distanza), tra docenti e bambini, anche solo mediante semplici messaggi vocali o video veicolati attraverso i docenti o i genitori rappresentanti di classe.

L’obiettivo, in particolare per i più piccoli, è quello di privilegiare la dimensione ludica.

 

 

  • per la Scuola Primaria, a seconda dell’età, occorre ricercare un giusto equilibrio tra attività didattiche a distanza mediante invio di materiale ed attivazione di piattaforme (almeno nelle classi 3^ - 4^ e 5^) rispettando momenti di pausa, in modo da evitare i rischi derivanti da un'eccessiva permanenza davanti agli schermi. La proposta delle attività deve consentire agli alunni di operare in autonomia, basandosi innanzitutto sulle proprie competenze e riducendo al massimo oneri o incombenze a carico delle Famiglie nello svolgimento dei compiti assegnati.

 

  • per la Scuola Secondaria di primo grado, il raccordo tra le proposte didattiche dei diversi docenti del Consiglio di Classe è necessario per evitare un peso eccessivo dell’impegno on line, mediante la fruizione autonoma in differita di contenuti per l’approfondimento e lo svolgimento di attività di studio.

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                    Il Dirigente Scolastico

                                                                                                                                                                                                                                   Prof.ssa Daniela Bandini

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Firmato Digitalmente


Anno scolastico: 2019/2020
Responsabile e titolare del procedimento: Dirigente Scolastico
Incaricato/a del procedimento: Nanni Stefania

 Visualizzazioni: 346Stampa la circolare 
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2020 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 1677
N. visitatori: 2908858